Partenza
 
 
Arrivo
 
 
Avvenire

 

Documenti

 

Questo sito è un luogo di emergenza dove si testimonia e si ascolta.

La rivista Invariance esiste dal 1968. Su Internet sarebbe meglio parlare di Irraggiamento Invariance.


Noi riferimmo il concetto di Invarianza dapprima a una teoria, poi a un progetto. Lo riferiamo ora al processo di vita che include teoria e progetto, così come l’attività. Esso si enuncia e si esprime in relazione con la manifestazione del godimento.


Godere è integrare ciò che avviene, ciò che si manifesta nella spontaneità degli uomini, delle donne, della natura, del cosmo. È riempirsi dell’accaduto che ha potuto essere previsto, dell’imprevisto, sempre rimanendo se stessi, tanto al livello dell’individualità che della specie.


Il godimento si afferma nella gioia di vivere l’invarianza in seno al divenire.


Cosa impedisce agli uomini e alle donne di vivere questo godimento e li consegna alla dipendenza?


Il rinchiudersi in un divenire fuori natura fondato a partire da una rottura di continuità con essa, con il cosmo, per sfuggire ad una minaccia la cui ragione, i fondamenti sono stati da lungo tempo perduti, dimenticati, scotomizzati, rimossi.


Il rinchiudersi in una domesticazione legata all’abbandono di ogni naturalità, a uno sviamento nell’artificiale, fondamenti della repressione parentale.


Il rinchiudersi in un modo di conoscere che mira principalmente a giustificare il divenire di erranza che lo fonda.


Il meccanismo infernale che, a livello individuale (ontosi), come a quello della specie (speciosi), conduce costantemente a rimettere in gioco (a riattualizzare) la minaccia e il terrore e la fascinazione che la rottura di continuità produsse.


Solo un’altra dinamica di vita, che necessita di una messa in continuità a tutti i livelli del reale, può permettere di accedere al godimento, all’invarianza nel divenire.


La messa in continuità ci pone fuori dal tempo e dallo spazio, forme a priori del rinchiudersi, e ci fa pervenire all’eternità, modo di manifestazione della totalità-cosmo.

Non ho nemici:  il rinchiudersi viene cosi abolito